Prossimamente ...

Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30

 

i prossimi eventi a Lido di Classe

itende

itende

itende
Menu

Augustin Affi: un ragazzo sconosciuto ai più è diventato oggi (30/06/2011) un vero eroe perdendo la vita per salvarla a due bimbi di 9 ed 11 anni in pericolo fra le onde.

Tanti sono gli articoli dedicati dalle testate giornalistiche, molti gli articoli per ringraziarlo del gesto, qualcuno evidenzia anche la mancanza diu adeguata segnaletica in una zona di Lido di Classe che purtroppo ha già avuto in passato episodi simili, quando a perdere la vita, non è stato l'eroe ma il bagnante incauto a cui nessuno a prestato soccorso sufficente.

Per evitare che queste tragedie possano ricapitare invitiamo i bagnanti a sfruttare la zona di mare controllata dal servizio di salvataggio e non dare all'acqua troppa confidenza, il pericolo purtroppo non può nascondersi dovunque, anche in un fondale basso ed uniforme come quello di Lido di Classe.

Da Romagna noi:

Ravenna - Bagnini: "Segnaletica deficitaria"

"Addio fuoriclasse"
Salva bimbi poi sparisce in mare

Alberto Savelli, in servizio a Lido di Classe quando il giovane Augustin Affi ha perso la vita, lamenta la mancanza di cartelli segnaletici. "Credo che questa spesa sarebbe ben più utile di quella sostenuta per i divieti d’accesso ai cani"

RAVENNA - “Questo tratto di mare è uno dei più pericolosi della costa per via delle scogliere, che generano inevitabilmente forti correnti di ritorno, le quali - a loro volta - provocano la formazione di buche”. E proprio in una di queste buche, vere trappole per chi magari non ha grande dimestichezza col nuoto, Alberto Savelli - il bagnino di salvataggio che mercoledì pomeriggio presidiava la spiaggia di Lido di Classe - ha ritrovato il corpo di Agustin Affi, il 22enne ivoriano gettatosi in mare per salvare due bambini in difficoltà. Purtroppo, per Affi - nonostante una lunga e disperata rianimazione - non c’è stato nulla da fare. È morto da eroe, dopo aver tratto in salvo i due piccoli di 8 e 11 anni. Savelli, che solitamente presidia lo specchio di mare confinante con la spiaggia libera, a lato del bagno “Go-Go”, quel tratto di costa lo conosce fin troppo bene. 

Anche mercoledì, infatti, nonostante la corrente piuttosto forte
e l’acqua torbida, sapeva dove cercare: “Purtroppo non è la prima volta che in questa zona si registrano incidenti, anche mortali - afferma il bagnino - ricordo che due o tre anni fa siamo intervenuti più volte nel corso di una sola stagione”. Ad incidere sulla pericolosità dell’area - a detta del bagnino - sarebbero in particolare le caratteristiche del tratto costiero, sommate - tra l’altro - ad una segnaletica che Savelli non esita a definire ‘deficitaria’. I bagnini, infatti, avrebbero segnalato più volte al Comune la necessità di evidenziare maggiormente la pericolosità dell’area, posizionando specifici cartelli di avvertimento: “Basterebbe investire 100 euro in cartelli da posizionare vicino agli scogli - afferma il bagnino - credo che questa spesa sarebbe ben più utile di quella sostenuta per i divieti d’accesso ai cani. È chiaro - prosegue Savelli - che gli incoscienti ci sono sempre, ma un paio di cartelli potrebbero disincentivare i comportamenti a rischio”.

Sulla particolare conformazione del tratto costiero che delimita la spiaggia libera di Lido di Classe interviene anche la coordinatrice dei bagnini di salvataggio Simona Tarlazzi: “Sappiamo che quella zona - per via delle scogliere - in presenza di particolari condizioni meteo diviene piuttosto a rischio, forse una delle più pericolose della costa ravennate” - afferma la Tarlazzi. Mercoledì, ad esempio, soffiava vento di scirocco: “Non troppo accentuato - precisa la coordinatrice - ma sufficiente a creare particolari correnti. Se poi a tutto ciò - conclude la Tarlazzi - si aggiunge il fatto che siamo vicini ad una spiaggia libera e che molto spesso c’è chi scende in acqua senza saper minimamente nuotare, ecco che l’incidente è dietro l’angolo”.

 

Da Romagna Oggi:

Forlì, il vicesindaco ricorda il ragazzo eroe di Lido di Classe

FORLI' - All'indomani della tragedia di Lido di Classe, dove il giovane Augustin Affi ha perso la vita salvando quella di due bambini di 9 e 11 anni, sono diversi i messaggi in ricordo del 22enne ivoriano trapiantato a Forlì. "La città debba essere onorata di avere come proprio concittadino Augustin Affi - ha affermato il vicesindaco, Giancarlo Biserna -. In tempi difficili come questi abbiamo bisogno di esempi forti, eroici, e questo ragazzo della Costa d' Avorio ce lo ha dato".

"Ci servono questi esempi per essere ottimisti su di noiper ricordarci che siamo migliori di quello che appare dai casi di violenza, di mafia, di criminalità, di corruzione,  di polemiche, di offese, che ci circondano - ha aggiunto Biserna -. Ci servono questi esempi per dare il peso che si meritano, e nulla di più,  alle beghe di cortile che ci comprimono. Il miglior modo per ricordarlo è acquisire la consapevolezza che anche noi siamo in grado di dare con generosità totale come ha fatto lui".

Il gesto di Augustin Affi, ha evidenziato Gianluca Bazzoni, consigliere regionale del Pdl in Emilia Romagna, "lo si può solamente definire eroico. Rimaniamo ammutoliti rispetto a cotanto altruismo e amore nei confronti del prossimo; la riconoscenza stessa sembra non esser sufficiente ad esprimere il commosso sentimento che oggi ci anima. Augustin Affi ci ha lasciato ma credo che il suo ricordo, legato a questo gesto estremo di amore, non ci lascerà mai e mai dovremmo dimenticarlo". 
"L'amore dimostrato da Affi è un amore assoluto per la vita e per i suoi simili - ha continuato Bazzoni -. Noi cittadini di Ravenna abbiamo il dovere di ricordare Augustin Affi con lo stesso amore, riservandogli quella corrispondenza di amorosi sensi di foscoliania memoria: - Non vive ei forse anche sotterra, quando gli sarà muta l'armonia del giorno, se può destarla con soavi cure nella mente de' suoi? Celeste è questa corrispondenza d'amorosi sensi, celeste dote è negli umani; -. Sono sicuro che troveremo il modo di rendere Augustin Affi per sempre cittadino di Ravenna al quale saranno tributati tutti gli onori degni di un vero eroe venuto da lontano a ricordarci, talvolta, la nostra pochezza umana. Un pensiero commosso alla famiglia."

 

 

Appuntamenti a Lido di Classe

Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30

 

 

Fabrizio Farneti 
CF FRNFRZ69D704M   
Contatti

I prossimi eventi a Lido di Classe

Built with from JoomlaShine